Lievito madre

Corona di pane con semi di lino, di sesamo e di papavero

 

La Corona di pane con semi di lino, di sesamo e di papavero è un bellissimo pane da presentare sulla tavola delle feste ed è altrettanto buono per accompagnare il pranzo.

È il primo pane di questo nuovo anno e spero sarà solo l’inizio di un’altra serie infinita di pani fatti in casa.

Buon anno a tutti!

 

Ingredienti del pane a forma di corona, con semi di lino, di sesamo e di papavero

200 g di farina di grano tenero tipo 2

50 g di farina di castagne

50 g di farina integrale

6 g di sale fino

210 g di acqua

4 g di lievito compresso (lievito di birra) o 50 g di lievito madre. Favorire sempre una lunga lievitazione.

60 g di semi misti di papavero, lino e sesamo

Temperatura finale impasto: 26°C (clicca qui per leggere l’importanza dell’acqua nell’impasto).

 

Fare tostare i semi per circa 15 minuti nel forno, a 180°C. Dopo la tostatura, farli raffreddare e immergerli in 60 g d’acqua, lasciandoli a temperatura ambiente, mentre si inizia l’impasto degli altri ingredienti.

Impastare (a mano o con la planetaria) le farine, 150 g d’acqua e il lievito. Aggiungere la restante acqua gradualmente e, dopo che si sarà formato un panetto, versare anche il sale. Impastare per circa 6 minuti a velocità media e infine aggiungere i semi. Farli assorbire impastando per 1 minuto in prima velocità.

Lasciare riposare il panetto a temperatura ambiente per circa un’ora, inserendolo in un mastello coperto.

Dividere in due parti l’impasto, formare due pagnotte e lasciarle 30 minuti a temperatura ambiente, coperte con un canovaccio, su un piano di lavoro infarinato.

Fare un buco al centro delle pagnotte, spingendo con le dita delle mani e poi allargare il buco con le dita e formare due corone. Fare riposare la pasta 5 minuti e poi ridare forma alla corona in modo da formare un buco di circa 10 centimetri di diametro.

Mettere le corone su due teglie da forno, foderate con carta forno in modo che lievitino fino al raddoppio del volume iniziale. La temperatura ideale di lievitazione è 25/28°C e si può facilmente riprodurre a livello casalingo usando il forno spento quale cella di lievitazione. Per raggiungere la temperatura ideale basta accendere il forno per qualche secondo e poi spegnerlo. Per monitorare che non salga eccessivamente, posizionare un termometro da cucina nel forno e controllare regolarmente la temperatura.

Preriscaldare il forno a 230°C con vapore (mettere una ciotola d’acqua calda sul fondo del forno), infarinare leggermente i pani e fare tanti tagli sulla superficie delle corone, tagliando con un paio di forbici.

Infornare alla stessa temperatura e cuocere per circa 20 minuti, aprendo il tiraggio durante gli ultimi minuti di cottura e abbassando la temperatura a 210°C dopo i primi 5 minuti.

 

 

 

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (2)

  1. edvige 1 gennaio 2019 at 15:35 Reply

    Ammiro chi panifica ma non è nelle mie corde. D’altra parte mangiamo in due pochissimo pane quindi non ne vale la pena per noi. Buon proseguimento 2019.

    1. tiziana 2 gennaio 2019 at 7:31 Reply

      Buon 2019 anche a te Edvige

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *