Colazione

Quasi una sbrisolona: la torta che non si taglia. Due ricette: quella classica e quella tratta dal libro “A qualcuno piace Cracco”

La sbrisolona è la famosissima torta mantovana il cui nome deriva dal fatto che non si riesce a tagliarla a fette.

E’ un dolce antico (nato a cavallo tra ‘500 e ‘600 ) che nel tempo, come moltissime altre ricette, ha subito varie modifiche. In origine veniva fatta con farina di mais e strutto, poi la farina si mais è stata in parte sostituita dalla farina di grano tenero, mentre lo strutto è stato sostituito dal burro. Ciò che è rimasto immutato è il suo consumo accompagnato da una grappa o da un vino liquoroso.

Oggi vi scrivo sia la ricetta originale che la ricetta che ho deciso di seguire io e che vedete realizzata nella foto.

La ricetta originale (tratta da Il Calendario del Cibo Italiano di AIFB) è la seguente:

Ingredienti per 8 persone

  • 200 g di mandorle con buccia
  • 200 g di farina bianca
  • 200 g di farina gialla a grana fine
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di burro freddo, a tocchetti
  • 2 tuorli
  • i semi di mezza bacca di vaniglia
  • la scorza grattugiata di un limone

La ricetta che ho provato a fare oggi è invece tratta dal libro “A qualcuno piace Cracco” dello chef Carlo Cracco, edizione Rizzoli.

torta di pasta frolla, mandorle e pistacchi

Ingredienti per 10 persone

Tempo totale circa 45 minuti

  • 450 g di farina di grano tenero
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di farina di mandorle
  • 225 g di burro morbido
  • 110 g di farina di mais
  • 8 g di lievito per dolci
  • 70 g di tuorli
  • 25 g di uova intere
  • 1 g di sale fino
  • i semi di mezzo baccello di vaniglia
  • 375 g di frutta setta (pistacchi, mandorle, nocciole pelate, pinoli tostati)
  • zucchero a velo per decorare

 

Tortine sbrisolone

 

Lavorare il burro morbido con la farina di grano tenero, di mandorle, la farina gialla di mais e il lievito. Sabbiare gli ingredienti e incorporare zucchero e uova, quindi il sale e la vaniglia.

Amalgamare l’impasto, coprirlo con pellicola alimentare e lasciarlo riposare in frigorifero qualche ora.

Versare l’impasto in una tortiera rotonda da 28 cm di diametro oppure in stampi mono porzione da tartelette, guarnire con frutta secca piacere e cuocere nel forno a 170°C per circa 25 minuti.

Lasciare raffreddare e aggiungere lo zucchero a velo.

 

sbrisolona di A qualcuno piace Cracco

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (2)

  1. edvige 12 gennaio 2018 at 18:36 Reply

    La sbrisolona la prima volta mangiata tagliata con coltello e….volata la fetta 🙂 Preso nota. Buona fine settimana.

    1. tiziana 12 gennaio 2018 at 19:14 Reply

      eh eh
      Felice weekend anche a te Edvige 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *