Lievito madre

Pane della salute a lievitazione naturale

 

PANE DELLA SALUTE: il mio pane del buonumore, ricco di tanti ingredienti della salute.

Abbiamo la farina di grano tenero tipo 2 (quasi integrale), quella di tipo 1, un po’ di farina di castagne e di mais, una manciata di uvetta e di semi di sesamo. È bello alzarsi la mattina e trovarlo sulla tavola della colazione.

Proviamo a farlo insieme? Ecco gli ingredienti per un filone come quello nelle foto.

150 g di farina di grano tenero tipo 2

25 g di farina di castagne

25 g di farina di mais

100 g di farina di grano tenero tipo 1

6 g di sale fino

230 g circa d’acqua

4 g di lievito compresso o 50 g di lievito madre solido

50 g di semi di lino e di papavero

50 g di uvetta

Temperatura finale impasto: 26°C (clicca qui per leggere l’articolo su l’importanza dell’acqua nell’impasto).

 

pane della salute

 

 

Lavorare a mano o con la planetaria.

Impastare le farine, metà acqua e il lievito. Aggiungere la restante acqua gradualmente e, dopo aver formato un panetto, unire anche il sale. Impastare per circa 7 minuti a velocità media e infine aggiungere i semi e l’uvetta. Lavorare per 1 minuto in prima velocità.

Lasciare riposare il panetto a temperatura ambiente, per circa mezzora, in un contenitore coperto.

Fare un paio di pieghe (folding) e lasciare riposare ancora mezzora, sempre a temperatura ambiente e coperto.

Dare forma al pane e posizionarlo su una teglia foderata con carta forno o su un canovaccio. Attendere che lieviti fino al raddoppio del volume iniziale, a temperatura ambiente e coperto con pellicola o con un canovaccio.

Preriscaldare il forno a 230°C con vapore (mettere una ciotola d’acqua calda sul fondo del forno), infarinare leggermente e fare un taglio centrale con una lametta, oltre a tanti tagli laterali.

Infornare alla stessa temperatura e cuocere per circa 10 minuti. Abbassare la temperatura a 200°C e continuare la cottura per circa 20 minuti, aprendo il tiraggio durante gli ultimi minuti per fare uscire l’umidità.

 

 

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *