Pasta Fresca

Cappelletti verdi ripieni di carne

Cosa prepareremo con i bambini il prossimo sabato?

Fervono i preparativi per una giornata all’insegna della pasta fresca fatta in casa. Sabato 20 novembre p.v., come indicato nel post precedente, cercherò di far divertire i bambini da 8 a 12 anni nel preparare la pasta con questa ricetta.

cappelletti verdi

I cappelletti sono un piatto tipico natalizio di cui trovate già nel blog la ricetta della mia mamma. Per far divertire i bambini ho pensato di colorarli di verde con una polvere di spinaci o con gli spinaci  veri e propri nell’impasto! Per quanto riguarda invece la farcia, faremo un ripieno a base di carne. Se volete imparare a fare la ricetta della nonna Nina, la mia mamma, cliccate sul post CAPPELLETTI IN BRODO DELLA TRADIZIONE ITALIANA oppure su CAPPELLETTI IN BRODO DELLA NONNA NINA o, ancora, sull’articolo QUEL BRODO DI CAPPONE.

Cappelletti verdi per 4 persone

  • 200 g di farina di grano tenero tipo zero o doppio zero
  • 2 uova intere
  • un pizzico di sale fino (facoltativo)
  • 8 g di polvere di spinaci (la trovate in commercio oppure fate appassire degli spinaci, tritateli, fateli scolare e raffreddare e aggiungetene 50 g nell’impasto)

cappelletti verdi

Impasto

Impastare gli ingredienti a mano o con l’impastatrice in modo da formare un panetto omogeneo e liscio (senza grumi). Coprirlo con pellicola e lasciarlo riposare per 15 minuti.

Infarinare un piano di lavoro, stendere la pasta con il mattarello fino a formare uno strato di sfoglia molto sottile (pochi millimetri).

Ritagliare tanti quadratini di pasta (diametro circa 4×4 cm), posizionarvi al centro una piccola quantità di ripieno e poi chiudere i cappelletti facendo combaciare due angoli del quadrato e poi unendo gli altri due angoli. Per vedere dettagliatamente la chiusura del raviolo, gli ingredienti e la preparazione della farcia, rifarsi ai post summenzionati oppure al post Tortelli Neri.

cappelletti verdi

Riposo e cottura

Disporre i ravioli su un vassoio leggermente infarinato e lasciarli asciugare un po’ all’aria, prima di far bollire l’acqua per la loro cottura.

La pasta fresca fatta in casa cuoce in pochissimo tempo: se riuscite a fare una sfoglia molto sottile, non lasciateli in acqua bollente e sapida per più di 1 minuto, altrimenti ci vorranno comunque pochi minuti di cottura.

Scolateli delicatamente con una schiumarola e conditeli come più vi piace. Un suggerimento? Dal semplice burro sciolto, al brodo di cappone o di verdure oppure alle salse particolari come quella a base di funghi. Sbizzarritevi e sperimentate sempre con quel che avete in casa. Non è forse il raviolo il principe in assoluto della cucina di recupero?

Ravioli e tortelli per relax

Se non avete mai fatto la pasta fresca in casa, provate e lasciatevi cullare dai gesti antichi e rassicuranti. Vedrete, lo spirito ne gioverà e voi vi sentirete temprati e sereni.

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (3)

  1. […] La pasta ripiena di Natale […]

  2. Maria Teresa 19 novembre 2021 at 23:16 Reply

    Che bella idea questo laboratorio con i bambini, e chissà come si sono divertiti!
    Bravissima come sempre Tiziana <3

    1. tiziana 20 novembre 2021 at 19:16 Reply

      Grazie Maria Teresa, è sempre bello mettere le mani in pasta con in bambini.
      Un abbraccio,
      Tiziana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *