Pasta

Tortelli neri ripieni di cavolo nero e rana pescatrice

In occasione delle ultime feste di Natale ho rifatto i miei immancabili tortelli neri con salmone marinato (nel miele e nel limone), ma ho anche sperimentato questo nuovo abbinamento a base di cavolo nero e rana pescatrice. Sono nati così i tortelli neri ripieni di cavolo nero e rana pescatrice.

Sono davvero deliziosi e l’abbinamento con il cavolo nero è molto interessante. Il colore nero è dato dall’aggiunta del nero di seppia nell’impasto della sfoglia. Li ho serviti in un buon brodo di pesce (preparato per cuocere la rana pescatrice). Direi che è un ottimo piatto per la cena della Vigilia di Natale così come per un’occasione importante.

 

RICETTA DEI TORTELLI NERI RIPIENI DI CAVOLO NERO E RANA PESCATRICE

Dosi per 6/8 persone

Ingredienti della pasta

250 g di farina di grano tenero tipo 00

50 g di semola rimacinata

2 uova intere (la proporzione è 1 uovo: 100 g di farina)

una bustina di nero di seppia

Mescolare le uova e il nero di seppia e poi aggiungere gradualmente le farine, impastando il tutto fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo. Si può tranquillamente lavorare a mano o con un’impastatrice.

Avvolgere il panetto nella pellicola per alimenti e lasciarlo in frigorifero per un quarto d’ora, prima di lavorarlo con il mattarello.

 

ravioli neri

 

Trascorso il tempo di riposo della pasta (necessario per lavorarla correttamente e senza fatica), stenderla con il mattarello, su un piano di lavoro leggermente infarinato, fino ad ottenere una sfoglia molto sottile (pochi millimetri).

Per fare questi piccoli cappelletti bisogna ritagliare tanti quadratini di pasta (dimensioni circa 4 x 4), mettere al centro di ogni quadratino una piccola quantità di farcia e chiuderli ripiegando un angolo sopra quello diametralmente opposto. Si otterrà un triangolino, all’interno del quale la farcia verrà già sigillata premendo lungo i lati della pasta e, infine, si uniranno i due angoli del lato lungo, come si fa tipicamente per i cappelletti.

 

tortelli neri

 

Lasciare asciugare i tortelli su un vassoio infarinato o su un canovaccio leggermente infarinato, fino al momento dell’utilizzo.

Ingredienti per la farcia

un mazzetto di cavolo nero, mondato e lavato

un pizzico di sale fino

1 rana pescatrice già pulita

1 goccio di olio extravergine d’oliva

Fare lessare separatamente il cavolo nero in abbondante acqua leggermente sapida. A fine cottura, tenere da parte l’acqua della rana pescatrice perché servirà anche per cuocere i tortelli; scolare sia la rana che le foglie di cavolo nero e frullare il tutto con un pizzico di sale fino e un goccio di olio evo. Per avere un brodo di pesce più saporito, si può inizialmente fare un fumetto con un goccio d’olio evo, un trito di prezzemolo e dell’alio o dello scalogno. Farvi rosolare la rana, quindi sfumare con l’acqua e portare a bollore. Cuocere per una ventina di minuti a fuoco basso.

Utilizzare il frullato di cavolo nero e rana pescatrice per farcire i tortelli, mettendo dei piccoli pallini di farcia compattati con le mani, al centro dei quadratini di sfoglia.

A questo punto sarà possibile lessare i tortelli nel brodo di pesce, riportando il brodo ad ebollizione e salando con una presa di sale grosso. La pasta fresca cuoce molto velocemente (un paio di minuti al massimo). Servire caldi.

 

ravioli neri

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (2)

  1. edvige 11 gennaio 2019 at 17:24 Reply

    Io adoro il nero di seppia sia con le linguine che risotto e in qualsiasi altra preparazione. Cavolo nero oppure diciamo le carote nere ecc. adoro tutto a mio marito invece fa impressione. Mi piacciono anche le preparazioni con carbone vegetale come cornetti dolci oppure anche pane, pazienza ma farli solo per me un lavoraccio mi accontento del risotto. Buona fine settimana.

    1. tiziana 11 gennaio 2019 at 18:12 Reply

      Anch’io le apprezzo molto ed effettivamente a molte persone non piace vedere il nero nel piatto.
      Buon fine settimana anche a te Edvige
      Ciaoooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *