Pasta Sfoglia

Torta salata di melanzane e pomodori al profumo di timo

Saluto definitivamente l’estate con questa torta salata di melanzane e pomodori, prima di dare il benvenuto all’autunno e di accogliere le zucche nella mia cucina.

E’ una preparazione molto semplice, se si usa una base di pasta sfoglia o di pasta brisée già pronta; se invece si preferisce fare tutto in casa (è sempre la cosa più divertente e sana, ma anche la più lunga), bisogna considerare tempi e difficoltà maggiori. Oggi devo ammettere che ho acquistato anch’io un rotolo di pasta sfoglia già pronta! La pausa pranzo è sempre più breve e frenetica, sebbene io lavori vicino a casa e possa rientrare per pranzo.

Torta salata di melanzane e pomodori: ingredienti e ricetta

Dosi per 4 persone, tempo totale mezz’ora abbondante

1 melanzana grande, mondata e tagliata a fettine sottili

3 pomodori tagliati a fette (ho voluto lasciare la buccia, ma potete farli sbollentare e pelare prima di aggiungerli alla preparazione)

1 manciata di foglioline di timo

olio extravergine di oliva quanto basta

sale fino quanto basta

1 spicchio d’aglio (opzionale)

2 uova

1 pizzico di noce moscata

100 g di panna liquida da cucina

1 cerchio di pasta sfoglia per tortiere da 28 cm di diametro

1 manciata di raspadura lodigiana (grana tipico del Lodigiano tagliato in veli)

Preparare la torta salata

Foderare la tortiera con la carta forno e adagiarvi la pasta sfoglia bucherellata con i rebbi della forchetta.

Fare soffriggere un cucchiaio d’olio evo e l’aglio (opzionale) in una padella molto capiente, quindi aggiungervi le fette di melanzana. Fare dorare leggermente a fuoco medio per qualche secondo.

Posizionare le fette di melanzana sulla pasta sfoglia, cercando di coprire tutta la superficie e creando circa due o tre strati.

Aggiungere il timo, il sale fino e completare con uno strato di pomodori a fette.

Fare un’emulsione di panna, noce moscata, un pizzico di sale e uova (mescolando con una forchetta senza montare) e versarla sulla torta. Coprire bene tutto lo spazio.

Terminare l’ultimo strato con i veli di raspadura lodigiana (in alternativa con del grana o parmigiano), un giro d’olio evo e cuocere in forno.

Preriscaldare il forno a 200°C e cuocere alla stessa temperatura per circa 25 minuti.

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *