Lievito madre

Pagnotta con farina di piselli germinati

Pane con farina di piselli germinati
Ciao amici,
oggi vi do il benvenuto in questo nostro spazio di chiacchiere culinarie con una fragrante pagnotta appena sfornata.
Contrariamente alle mie preferenze e alle mie abitudini degli ultimi tempi, ho voluto fare un pane per me poco idratato che contiene il 70% di acqua sul peso della farina.
L’impasto è stato fatto con lievito madre solido e con farina di tipo 1 macinata a pietra. Ho voluto fare una prova di sapore aggiungendo della farina di piselli germinati, ma non essendo sicura che questo gusto piacesse anche in famiglia, ho fatto un primo pane mettendo solo un paio di cucchiai. Adesso che ho potuto assaggiare il pane e appurare che piace anche agli altri, provvederò ad utilizzarlo maggiormente e a provarlo nel prossimo impasto di pizza. Sto già immaginando un’ortolana con questo impasto di farina di piselli germinati unitamente alla farine per pizza o di tipo 1.
Eccomi qui, ho già voglia di impastare di nuovo!
Il sapore dei piselli è leggero, ma si sente ed è molto buono.
Vediamo insieme gli ingredienti:
  • 350 g di farina di tipo 1 macinata a pietra
  • 2 cucchiai di farina di piselli germinati, brick petraviva
  • 245 g di acqua
  • 6 g di sale
  • 30 g di lievito madre
Procedimento:
Ho impastato farine, acqua e lievito a bassa velocità con la planetaria, aggiungendo l’acqua in 3 volte.
Ho ottenuto l’incordatura e poi ho aggiunto il sale, impastando ancora per qualche minuto a bassa velocità.
Ho lasciato il panetto sul piano di lavoro leggermente infarinato per circa 30′ e poi l’ho messo in un contenitore chiuso, leggermente unto sul fondo con olio evo, in frigorifero per circa 12 ore.
Ho prelevato l’impasto dal frigorifero la mattina seguente, l’ho spostato sul piano di lavoro infarinato creando una palla con le mani e l’ho lasciato lievitare a temperatura ambiente, coperto con un canovaccio. In questo periodo fa molto caldo e non ho ritenuto necessario ricreare una cella di lievitazione in forno.
A lievitazione ultimata, ho preriscaldato il forno a 230°, ho fatto un taglio a croce sulla pagnotta e ho cotto alla stessa temperatura per i primi 10′, in modalità ventilata. Ho abbassato piano piano la temperatura fino a 160° fino a che il pane si è cotto completamente.
La superficie è croccante, bussando sul fondo si sente suonare a vuoto e la temperatura al cuore, se la misurate con un termometro da cucina, deve essere circa 92°.
Io preferisco cuocere fino alla temperatura al cuore di 92° e poi lasciare il pane nel forno aperto per un po’ di tempo anzichè protrarre la cottura fino ad una temperatura di circa 96° e rischiare che si asciughi troppo o che il pane diventi duro.
 Buona giornata

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (16)

  1. Ale 16 giugno 2015 at 12:43 Reply

    Questa pagnotta è perfetta!

    1. tiziana 16 giugno 2015 at 15:19 Reply

      Grazie Ale 🙂

  2. Sabrina Rabbia 16 giugno 2015 at 13:38 Reply

    tu hai le mani di farine, che pane speciale, brava!!!!Baci sabry

    1. tiziana 16 giugno 2015 at 15:19 Reply

      E' già incorporata 😉 🙂 nelle mani

  3. andreea manoliu 16 giugno 2015 at 14:17 Reply

    Una bella pagnotta e poi con la farina di piselli, da dove li tiri fuori queste farine ?, deve essere molto buona di gusto !

    1. tiziana 16 giugno 2015 at 15:20 Reply

      Tutta "farina del sacco" di Molino Quaglia
      Sono uniche!

  4. Silvia Brisigotti 16 giugno 2015 at 18:03 Reply

    Bellissima!! Ogni volta che vedo i tuoi pani con i germinati mi viene troppa voglia di provarli, aspetto che passi l' estate e poi mi lancio!! A prestooo!!

    1. tiziana 17 giugno 2015 at 9:06 Reply

      Lanciati Silvia, sono sicura che ne saprai trarre dei pani splendidamente saporiti.
      Grazie, ciao e a prestissimo 🙂

  5. consuelo tognetti 16 giugno 2015 at 18:46 Reply

    Questi germinati mi ispirano da matti ed il tuo pane deve essere da svenimento 🙂 Complimenti cara <3

    1. tiziana 17 giugno 2015 at 9:05 Reply

      Sono buonissimi Consuelo, provali 🙂
      Ciao e grazie
      Tiziana

  6. Natascia B. 16 giugno 2015 at 20:36 Reply

    Davvero bravissima che continui a sfornare pane anche d'estate.
    La mia vita d'estate cambia completamente. Non cucino quasi più.
    Mi gusterò le vostre ricette, e me le stampo per il prossimo inverno!
    Un bacione!

    1. tiziana 17 giugno 2015 at 9:06 Reply

      In realtà Natascia io ho sempre freddo…. accendere il forno è sempre un sollievo eh eh

      Grazie mille e bona giornata 😉
      Tiziana

  7. i Pasticci di Terry 17 giugno 2015 at 18:02 Reply

    Che bella pagnottona Tizi!!! Non ho mai visto questa farina, curiosa

    1. tiziana 17 giugno 2015 at 19:10 Reply

      Grazie Terry!!
      Si tratta dei brick di petraviva. Sono buonissimi 😉

  8. laura flore 22 giugno 2015 at 5:30 Reply

    Un'amore a prima vista, certo che chi mi legge penserà che sono matta, ma tu sai cosa intendo tesoro mio!
    Complimenti è un pane bellissimo e sicuramente buonissimo, con queste meravigliose farine non può che uscire un capolavoro! Bravissima!
    Un abbraccio e felice week end!
    Laura♡♡♡

    1. tiziana 22 giugno 2015 at 7:45 Reply

      Ciao Laura e grazie. Effettivamente le farine sono eccezionali e fanno tutto da sole 🙂
      Buona settimana anche a te e buon lavoro
      Tiziana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *