Crostate

Crostata con pasta di frutti di bosco

Profumo di burro tra la nebbia

La nebbia mi fa ormai compagnia da una settimana. Non è paragonabile alle nebbie di quand’ero bambina, il riscaldamento climatico credo abbia contribuito anche a questo. A quei tempi, ma anche dieci o quindici anni fa, la nebbia faceva ancor più paura perchè si poteva davvero tagliare con un coltello, come si suol dire, e ti avvolgeva letteralmente. Non esagero quando dico che ricordo momenti in cui vedevo a malapena i miei piedi.

Quando sono arrivata nel Lodigiano ho piantato una siepe di alberi di pino a non più di quattro metri da alcune finestre e ricordo che, nelle lunghe telefonate con mia mamma, le raccontavo di non riuscire a distinguere nemmeno un ramo a causa della nebbia. Il portico bagnato, i muri umidi e un’atmosfera fiabesca, a tratti un po’ inquietante. Lei rideva perché a Milano, da dove mi chiamava, la nebbia aveva smesso da qualche anno di fare così tanta impressione. In certe giornate appare ancora, sia chiaro, ma non è più quella di tanti anni fa, mentre nel Lodigiano, dove la campagna, i campi coltivati e i fossati sono ancora molti, è tutta un’altra storia.

Ha il suo fascino, ma può fare molta paura se si deve guidare, soprattutto di notte.

Un forno acceso, una finestra sulla nebbia

… e tanta voglia di cucinare qualcosa di delizioso. Non c’è dubbio che questo tempo faccia venir voglia di dedicarsi agli impasti e ai dolci da forno. Oggi è il turno di una crostata farcita con una pasta di frutti di bosco, perfetta per la cottura, che ricorda un po’ la più famosa Linzer.

crostata frutti di bosco

Ingredienti per la pasta frolla

  • 300 g di farina di grano tenero per pasta frolla (indice W basso adatto a biscotti e frollini) setacciata un paio di volte
  • 50 g di tuorli
  • 100 g di zucchero semolato
  • 20 g di miele millefiori
  • 180 g di burro morbido e ancora plastico (lasciarlo a temperatura ambiente per 40 minuti)
  • 1 pizzico di sale fino ed eventualmente qualche seme di vaniglia naturale

Ingredienti per il ripieno

  • circa 10 cucchiai di pasta di frutti di bosco adatta alla cottura
  • zucchero a velo dorato o argentato per decorare alla fine

La pasta di frutti di bosco è ottima perché, oltre alla concentrazione del sapore, è perfetta per la cottura e più disidratata rispetto ad una confettura.

Preparazione della frolla

Impastare a mano o con l’impastatrice con la foglia K. Lavorare sempre molto velocemente per evitare la formazione della maglia glutinica.

Cominciare impastando burro e zucchero al quale andranno aggiunti di seguito il miele, i tuorli, il sale e per ultima la farina (suddivisa in due o tre parti).

Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola per alimenti e lasciarlo in frigorifero. Il tempo ottimale per il riposo sarebbe di 10 ore, ma bastano anche 2 ore.

Stendere il panetto tra due fogli di carta forno con l’aiuto di un mattarello. Formare uno strato sottile di pasta con la forma circolare e foderare uno stampo da 18 cm di diametro. Non c’è bisogno di imburrare lo stampo. Riporlo nel congelatore per 30 minuti e, nel frattempo, preparare tanti frollini a forma di alberello di Natale o di stella con gli avanzi di pasta. Anch’essi devono riposare in frigorifero o, meglio ancora, nel congelatore.

Farcire con la pasta di frutti di bosco

Preriscaldare il forno a 180°C, riempire il guscio di frolla con la pasta di frutti di bosco (arrivando fino a pochi millimetri dal bordo) e aggiungere qualche frollino.

Infornare a 170°C in modalità statica e cuocere fino a doratura.

Lasciare raffreddare, sformare dallo stampo e decorare con lo zucchero argentato o dorato.

crostata frutti di bosco

facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *