Classici

Linzer Torte

Avevo tenuto da parte l’articolo n. 1450 del blog per chiudere la rubrica dedicata a Vienna.

La famosa Linzer Torte necessitava ancora un po’ di tempo: dapprima non ero riuscita a prepararla a casa durante l’intenso periodo post vacanze di Natale e, dopo averla fatta, avevo scattato delle foto furtive e poco attraenti, tanto che il post rimaneva lì, sospeso. Troppo amato per cancellarlo; non ancora ben fatto per scriverlo.

Il tempo è passato ed è arrivato il periodo più straordinariamente difficile ed insolito delle nostre vite. La pandemia ha oscurato le foto di oggi. La mia Linzer è in banco e nero, in segno di lutto e di preghiera per tutti coloro che non ce l’hanno fatta. La foto d’apertura, scattata in una meravigliosa e fresca giornata di inizio 2020, bagnata dal sole del primo gennaio, accompagnata dal walzer del concerto viennese di Capodanno ha assunto oggi i contrasti del bianco e nero. Sia la foto che noi, incorniciati in quella piacevole armonia e benessere, non immaginavamo cosa sarebbe capitato di lì a poco.

 

Linzer Torte

 

La Linzer Torte: sperando possa presto tornare a colori

50 g di farina di grano tenero tipo 00 (indice W basso adatto alla pasticceria e alla frolla)

250 g di mandorle tritate finemente

200 g di zucchero semolato

250 g di burro morbido a temperatura ambiente

100 g di uova intere

2 g di cannella in polvere e un pizzico di chiodi di garofano in polvere

1 pizzico di sale

i semi di una bacca di vaniglia

Quanto basta di confettura di mirtilli rossi

 

Preparazione

Impastare la farina, le spezie, il sale e la vaniglia con lo zucchero e le uova. Aggiungere le mandorle tritate finemente e poi il burro a pezzetti, continuando a lavorare con le mani, come si fa per la frolla. Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola trasparente e lasciarlo riposare in frigorifero da un minimo di 2 ore fino ad un giorno intero.

Stendere la pasta con il matterello, su un piano di lavoro leggermente infarinato e ottenere uno strato rotondo e sottile.

Foderare uno stampo per crostate con la sfoglia appena ottenuta, ritagliando i bordi in eccesso e tenendo da parte un po’ di pasta per fare il decoro della torta.

Versare circa 1 centimetro di confettura, terminare il decoro con delle strisce di pasta (modello grata) e cuocere in forno a 160°C fino a doratura.

 

 

 

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *