Classici

Crostata con confettura di lamponi: quasi una Linzer?

Il meteo promette neve a partire da questo pomeriggio, ma noi una lieve spruzzata di neve l’abbiamo già trovata sui tetti delle case appena ci siamo svegliati.

Io devo avviarmi verso Milano: tangenziale fitta di camion, tanta strada e tanti impegni da incastrare e la neve non sarebbe proprio la benvenuta… Incontro una simpatica signora fuori dalla scuola elementare che, con un sorriso enorme e le stelline negli occhi, mi dice di sentirsi su di giri come una bambina all’idea che fra poco nevicherà. Le chiedo allora se può posticipare questo emozionante evento di qualche ora, permettendomi di scivolare fluentemente tra il traffico cittadino di questa fredda giornata di dicembre… Lei si fa carico dell’impegno e, come un soldatino giocattolo, mi risponde “Ci penso io, Tiziana! Blocco tutto fino alle 18”. Se la vita fosse sempre così semplice!

Saluto Giulia, che cammina fiera e dolcissima con il suo nuovo cappello di lana e la seguo fino a quando la vedo entrare in classe. Ogni giorno è un leggero sospiro del cuore… Felice e speranzoso.

Sarà una giornata impegnativa, ma stasera sul tavolo davanti al camino e all’albero addobbato per le feste, ci saranno ad aspettarci delle meravigliose crostatine.

Ingredienti per 10 porzioni

Pasta frolla per la base e per i biscotti decorativi a forma di farfalle e fiori (ricetta tratta dal libro “Le mie 24 ore dolci” del maestro Gianluca Fusto)

  • 60 g di farina di mandorle
  • 110 g + 340 g di farina di grano tenero 00
  • 210 g di burro 82% m.g. (a 25°C)
  • 175 g di zucchero a velo
  • 100 g di uova
  • 5 g di fior di sale

Procedimento per la frolla

Impastare a mano o con la planetaria (in questo caso bisogna montare la foglia, detta anche scudo). Iniziare lavorando il burro morbido a 25°C con lo zucchero e le uova.

Non incorporare bolle d’aria, né lavorare e scaldare eccessivamente. Aggiungere la farina di mandorle e poi la prima quantità di farina di grano tenero (110 g). Una volta amalgamati per bene i primi 110 g di farina di grano tenero (in modo da legare l’umidità all’interno dell’impasto), unire i restanti 340 g di farina e il sale.

Avvolgere il panetto di pasta frolla nella pellicola alimentare e conservarlo in frigorifero a 4°C , per almeno 3 ore.

Stendere il panetto con il mattarello fino a pochi millimetri di spessore. Una frolla sottile è più gradevole all’assaggio.

Per evitare di usare della farina di supporto durante questo passaggio (al fine di non fare appiccicare la pasta al mattarello e per stenderla bene), mettere due fogli di carta forno sotto e sopra l’impasto e poi appiattire con il mattarello.

Adagiare tanti cerchi di pasta frolla negli stampi per crostatina, premere con i polpastrelli contro l’impasto per farli aderire allo stampo e livellare bene i bordi. Per ritagliare dei cerchi della giusta dimensione, capovolgere gli stampi sulla pasta e ritagliare seguendo il perimetro dello stampo.

Con i ritagli di pasta frolla, ritagliare tante piccole formine a piacere che serviranno per decorare la crostata. Io ho ritagliato delle farfalline molto piccole, per la prima crostata e dei fiorellini per la seconda crostata.

Farcire con la confettura di lamponi (io ne ho usata circa 700 g in totale per tutte le crostatine), aggiungere i decori di frolla a piacere e preriscaldare il forno a 160°C.

Cuocere alla stessa temperatura fino a doratura, in modalità ventilata e tenendo una fessura del forno aperta. Io ho impiegato circa 20 minuti.

 

Crostata di lamponi

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commento

  1. […] chiamato così questo pane perché mi piace l’idea di servilo a colazione con dei lamponi freschi e una spalmata di confettura di frutti di bosco o di fragoline. Con i lamponi e con queste […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *