Lievito madre

Pane di grano tenero e di semola a lievitazione naturale

Pane di grano tenero e di semola a lievitazione naturale

Oggi prepariamo un pane dorato, dal colore meraviglioso, quel colore che solo la farina di semola sa donare.

Se non siete abili con le forme del pane, preparate una semplice pagnotta rotonda e il risultato sarà altrettanto buono! Se volete invece imitare questo pane, preparate delle pagnotte, schiacciatele leggermente ad una estremità, sulla quale dovrete incidere tre lembi di uguale dimensione, intrecciarli e sovrapporti alla parte rotonda della pagnotta. Così facendo otterrete questo pane, avvolto da una treccia.

pane grano tenero semola

Ingredienti per circa 900 g di prodotto finito:

300 g di semola rimacinata di grano duro

200 g di farina di grano tenero tipo 0 W 260

80 g di lievito madre (va bene sia a coltura liquida che solido). Vedasi apposita sezione del blog dedicata ai lieviti.

9 g di sale fino

310 g d’acqua

Temperatura finale dopo l’impasto: 25°C

pane grano tenero semola

Impastare a mano o con l’impastatrice, lavorando le farine, 250 g d’acqua e il lievito.

Aggiungere gradualmente la restante acqua e, per ultimo, il sale. Impastare per 6/7 minuti in prima e seconda velocità (se si usa la planetaria) e formare un impasto liscio e omogeneo.

Riporre il panetto sul piano di lavoro infarinato, lasciarlo per almeno mezz’ora a temperatura ambiente e coperto con un canovaccio, prima di rimodellarlo con le mani e formare una pagnotta.

Lasciare riposare per altri 30 minuti, quindi spezzare in tante parti di peso uguale e rimodellare con le mani formando delle pagnotte. Io ho preparato 3 pagnotte.

Sistemare le pagnotte in un mastello coperto e lasciarle lievitare a temperatura ambiente o, comunque, ad una temperatura non superiore ai 26°C.

pane grano tenero semola

Terminata la lievitazione, riporre i panetti sul piano di lavoro infarinato, schiacciarli leggermente con le mani o con un mattarello da un lato. Il lembo di pasta schiacciato e allungato dovrà anche essere tagliato in tre parti (senza staccare la pasta dalla pagnotta principale) e con tali lembi bisognerà fare una treccia.

Terminato l’intreccio, sarà sufficiente adagiarlo sulla pagnotta, schiacciandolo leggermente contro l’impasto. Se si vuole essere sicuri che durante la cottura la treccia non si sollevi, bisogna bagnare leggermente la pagnotta sulla quale la treccia dovrà aderire.

Lasciare lievitare per altri 20 minuti circa, mentre si preriscalda il forno a 220°C.

Fare qualche taglio laterale sulla superficie della pagnotta, con l’aiuto di una lametta.

Infornare alla stessa temperatura per 5 minuti, quindi continuare la cottura alla temperatura di 200°C fino al raggiungimento di 92°C al cuore.

pane grano tenero semola

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (2)

  1. Maria Teresa 2 febbraio 2020 at 16:43 Reply

    Il gusto della semola è insuperabile, e il tuo pane è sempre perfetto!

    1. tiziana 2 febbraio 2020 at 22:07 Reply

      Tu ne sai qualcosa di semola, vero 😉 ?
      Grazie Maria Teresa e buona serata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *