Aperitivo

Crackers agli spinaci a lievitazione naturale

Crackers agli spinaci a lievitazione naturale

Crackers fatti in casa con il lievito madre? Si, oggi proviamo proprio a farli, ma non ci limiteremo a questo, li coloreremo di verde! Per farlo useremo la polvere di spinaci che vi avevo già fatto conoscere con la Focaccia di farina di mais con spinaci e con i Ravioli Verdi.

La polvere di spinaci, usata in modeste quantità, dona un colore bellissimo all’impasto nonché un sapore straordinario e ben equilibrato di spinaci.

La mia ricetta dei crackers agli spinaci a lievitazione naturale è la seguente:

200 g di farina di semola rimacinata

20 g di lievito madre liquido

4 g di sale fino + un pizzico di sale fino o grosso da aggiungere prima della cottura

130 g d’acqua

4 g d’olio extravergine d’oliva + un goccio da aggiungere prima della cottura

2 g di polvere di spinaci (io ho usato quella che mi è stata gentilmente donata da Bembo, ma si può preparare in casa facendo essiccare gli spinaci, tritandoli finemente riducendoli in polvere)

Temperatura finale impasto: 23°C (leggi anche QUI)

crackers spinaci lievito madre

Impastare a mano o con la planetaria.

Lavorare a bassa velocità la semola, l’acqua, la polvere di spinaci e il lievito. Aggiungere il sale quando si sarà quasi formato l’impasto e, per ultimo, versare anche l’olio. Aumentare la velocità e impastare ancora per 5 minuti. La pasta si staccherà dal bicchiere della planetaria e si formerà un bell’impasto omogeneo.

Lasciare lievitare per 1 ora a temperatura ambiente, ponendo il panetto sul piano di lavoro infarinato. A questo punto procedere con il riposo refrigerato, mettendo il panetto in un mastello coperto, nella parte più alta del frigorifero. La lievitazione lenta al freddo è durata circa 20 ore.

Rimettere il panetto a temperatura ambiente (io l’ho lasciato circa 4 ore), coperto da un canovaccio. Stenderlo con il mattarello, utilizzando poca farina di supporto per non fare appiccicare la pasta, fino a pochi millimetri di spessore.

Ritagliare tanti quadratini di pasta (io ho scelto una piccola dimensione di 4×4 cm), infarinare con poca semola e bucherellarli con i rebbi della forchetta.

Preriscaldare il forno a 240°C con vapore.

Aggiungere eventualmente dell’olio evo e del sale a piacere, preparando un’emulsione fatta con poco olio evo e un pizzico di sale fino o di sale grosso, che andrà spalmata con un pennello per alimenti sulla superficie dei quadratini di pasta.

Cottura: utilizzare una teglia foderata con carta forno e cuocere a 200°C per meno di 10 minuti.

Sentirete che bontà! Uno tira l’altro.

 

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *