Classici

Stoccafisso alla siciliana

La settimana inizia ancora in Sicilia! Io ho lasciato l’isola due settimane fa, ma sto ancora pensato al suo cielo, al suo mare e ai tanti piatti che ho degustato. Dalla Sicilia ho portato a casa un bel bagaglio di ricette, molte delle quali sono già nell’archivio del blog e molte altre sono invece nella mente, in attesa di prepararle.

Oggi ho deciso di augurarvi la buona settimana con questo stoccafisso alla siciliana. Non è certo un piato per tutti i palati, lo so bene, ma posso dirvi che è buonissimo.

INGREDIENTI DELLO STOCCAFISSO ALLA SICILIANA

Dosi per 6 persone

1.000 g di stoccafisso (precedentemente ammollato e battuto)

1.000 g di polpa di pomodoro

250 g di patate pelate e tagliate a pezzetti irregolari

mezza cipolla bianca affettata finemente

1 spicchio d’aglio

200 g di olive nere

20 g di capperi dissalati

30 g di pinoli

30 g di uva sultanina

1 bicchiere di vino bianco secco

olio extravergine d’oliva

stoccafisso-alla-siciliana

PREPARAZIONE DELLO STOCCAFISSO ALLA SICILIANA

Tempo meno di 1 ora

Spinare, spellare e poi tagliare lo stoccafisso in pezzi abbastanza grossi, quindi farlo soffriggere in un tegame con la cipolla, un goccio d’olio evo e l’aglio schiacciato.

Eliminare l’aglio, aggiungere il vino e farlo sfumare.

Aggiungere la polpa di pomodoro, le patate e continuare la cottura a fuoco basso, fino a che il pesce sarà diventato morbido. Verso fine cottura aggiungere anche i pinoli, l’uva sultanina, i capperi e le olive. Io non ho aggiunto il sale, ma regolatevi in base al vostro gusto personale.

La ricetta che mi hanno insegnato in Sicilia prevede la doppia cottura: a seguito dell’aggiunta della polpa di pomodoro e dopo aver fatto prendere il bollore, bisogna versare tutto in una pirofila e continuare la cottura in forno a 180°C. Sfornare tutto quando le patate saranno cotte. Quando ho fatto questa ricetta a casa mia ho però preferito cuocere tutto nella casseruola sul fornello.

Servire caldo pensando alla Sicilia!

***

La cucina siciliana ha due facce: una semplice ed una molto elaborata. La ragione va ricercata nella sua storia, infatti questa regione è stata a lungo divisa in due parti, tra la corte dei Borboni e il popolo, fatto di persone dedite all’agricoltura, alla pesca e alla pastorizia.

Questi due mondi si sono incontrati in cucina, si sono sovrapposti e influenzati a vicenda, ma hanno altresì subito le influenze delle dominazioni francesi, arabe e spagnole dando origine ad un ricettario regionale incredibilmente ricco e originale, nel quale sono protagoniste che eccellenti materie prime (verdure, erbe, carne e pesce).

Dato che oggi iniziamo la settimana con un piatto di pesce, direi di degustarlo in riva al mare… il mare della Sicilia! Vi aspetto e buona giornata.

 

mare_siracusa

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *