Colazione

Plumcake all’olio extravergine d’oliva

Plumcake all’olio extravergine d’oliva

Anche voi avete pensato che l’idea è buona, ma nel dubbio… è meglio usare il burro?

L’ho provato io per voi e ve lo consiglio vivamente: si tratta del plumcake all’olio extravergine d’oliva! Buono da morire.

Tempo fa, durante un corso di pasticceria, un maestro mi disse di utilizzare l’olio di girasole perché il suo sapore risulta meno accentuato rispetto a quello d’oliva e, trattandosi di un dolce, ciò fa la differenza.

Io che sono un po’ cocciuta, soprattutto quando qualcosa mi attira molto e che conosco il mio amore per i sapori rustici e forti, ho voluto invece provare l’olio evo.

Il risultano mi ha piacevolmente stupita. Non è tano per fare la Cucina dei senza, ma è piuttosto per lasciarsi trascinare da quel che ci attira e da ciò che è buono.

Quindi oggi prepariamo insieme questo plumcake, la cui ricetta è molto semplice, utilizzando l’olio evo e lo facciamo anche insieme ai bambini. In questo lungo periodo di isolamento casalingo, a causa dell’epidemia in corso, mia figlia sta sfornando un plumcake dietro l’altro. Un’idea come un’altra per tenere impegnati i bambini dopo i compiti e i giochi.

 

plumcake olio extravergine oliva

 

Brava Giulia! Sei riuscita a farlo esplodere in superficie come si addice ad un buon plumcake.

Ingredienti e preparazione per uno stampo classico da plumcake:

75 g di farina di grano tenero per pasticceria (indice W basso adatto alla frolla)

75 g di amido di mais

8 g di baking

150 g d’olio extravergine d’oliva

150 g di zucchero semolato

150 g di uova intere

Nota: avete notato che non ci sono aromi? E’ buonissimo in tutta semplicità.

 

Mescolare gli elementi secchi (farina, amido, baking) con una frusta, all’interno di un recipiente.

Mescolare le uova e lo zucchero a parte.

Unire il tutto, amalgamare bene e versare per ultimo l’olio. Formare un impasto cremoso e colarlo in uno stampo (precedentemente imburrato e infarinato).

Cottura: nel forno preriscaldato a 170°C per 10 minuti e a 150/160°C per altri 25/30 minuti circa.

 

 

 

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (4)

  1. Gabriella 23 giugno 2020 at 19:54 Reply

    Buona sera Tiziana ti ho trovato girovagando nel web in cerca di una ricettina dolce e veloce e sono arrivata al tuo blog,incuriosita poi dal nome profumodibroccoli bellissimo!!!!insomma sono tre ore che ti leggo e rileggo ne sono intusiasta sei pratica e molto simpatica le tue recensioni sono un piacere leggerle,insomma mi hai fatto compagnia tutto il pomeriggio.Ora nel forno c’è questo plumcake che devo dirti mi ha conquistato per la velocità di esecuzione (proprio quello che cercavo)ho usato il mio amato olio ligure ora vedremo il risultato…ti auguro una bella serata e mi raccomando continua così.Ciao Gaby

    1. tiziana 23 giugno 2020 at 21:55 Reply

      Ciao Gabriella,
      mi fa tanto piacere leggerti e conoscerti. Che bel messaggio, grazie davvero. Sono felice di averti fatto compagnia tra le mie pagine, dove spero che potrai trovare tutto ciò che cerchi.
      Spero anche che il plumcake ti piaccia 🙂 Se sei appassionata di plumcake, puoi trovare altre ricette sotto questa voce, nell’archivio del blog come ad esempio la ricetta del maestro Biasetto o quella del maestro Massari.
      Grazie ancora delle belle parole e buona serata.

  2. Gabriella 24 giugno 2020 at 19:33 Reply

    Ciao Tiziana rieccomi!! il risultato è stato eccelente devo dire che non avrei mai sperato di trovare un plumcake così leggero e umidoso nello stesso tempo e con una bellissima crepa al centro ti devo dire che fin ora mi riusciva molto bene con una ricetta di Stefano Laghi grande pasticcere ho visto che anche tu lo apprezzi come del resto tutti gli altri..ma per lui ho una venerazione…ho visto il tuo indice molto pratico e veloce da consultare,gia’ segnato altre ricette da fare….ti aggiornero’.Buona serata Gaby

    1. tiziana 25 giugno 2020 at 9:15 Reply

      Grazie mille Gabriella!
      Devo dire che hai avuto lo stesso risultato che ho avuto io. Spesso non si crede che mettendo l’olio nei dolci si possa avere un ottimo risultato e si predilige sempre il burro (che io stessa adoro). Ho fatto molti dolci con l’olio, anche le brioche lievitate e il risultato è sempre stato positivo.
      Sì, il maestro Stefano Laghi è uno dei pasticceri che preferisco, ma soprattutto è bravissimo nell’insegnare, cosa non sempre automatica, né scontata.
      Allora, buona cucina e buona giornata a te.
      Tiziana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *