Brioche

Brioche per la colazione con lievito compresso

 

Brioche per la colazione con impasto diretto, lievito compresso (lievito di birra) preparate seguendo la ricetta delle piccole veneziane del maestro Renato Bosco.

Oggi vi auguro buona domenica con queste brioche a forma di chiocciola, lucidate con granella di zucchero e sciroppo di zucchero.

Nel preparare le piccole veneziane del precedente post, ho deciso di tenere da parte un po’ di impasto per fare queste chiocciole.  Ed eccole qui, fotografate con la luce del mattino, pronte per fare il loro ingresso sulla tavola della colazione. Buona giornata.

 

Brioche colazione

 

Ingredienti

500 g di farina di grano tenero tipo “0” adatta alla pasta sfoglia o alle brioche

3,5 g di malto

275 g di uova intere

75 g di zucchero semolato

50 g di burro ammorbidito

8 g di sale

10 g di lievito compresso (lievito di birra)

i semi di 1 bacca di vaniglia

50 g di pasta madre (opzionale)

la scorza grattugiata di 2 arance

la scorza grattugiata di 1 limone

 

Impastare la farina, il malto, il lievito e le uova. Lavorare a bassa velocità fino alla formazione della maglia glutinica, prima di versare anche lo zucchero e il sale.

Aumentare la velocità, aggiungere il burro morbido a pezzetti e, infine, la scorza grattugiata degli agrumi. Il panetto risulterà ben formato, liscio e omogeneo.

Lasciare riposare in frigorifero per circa 12 ore, in un recipiente coperto.

Dopo le 12 ore in frigorifero, tagliate l’impasto in porzioni da minimo 30/50 grammi, formare dei filoncini e arrotolarli su se stessi formando delle chiocciole.

Adagiare le chiocciole sulle teglie foderate con carta forno o con dei canovacci e farle lievitare per circa 6 ore, fino al raddoppio del volume iniziale. Io le ho messe nel forno spento, alla temperatura di 25°C, senza coprirle e con la luce del forno accesa.

Fare un’emulsione con 100 g di tuorlo e 100 g di latte, mescolare e dorare la superficie delle brioche con l’aiuto di un pennello per alimenti. Aggiungere anche della granella di zucchero e cuocere nel forno, già preriscaldato, a 160°C/max 170°C. Le brioche saranno cotte quando raggiungeranno la temperatura al cuore di 92/94°C (da misurarsi con un termometro a sonda adatto al forno).

Quando si sfornano, bisogna lucidarle con dello sciroppo di zucchero alla vaniglia o dello zucchero liquido.

 

brioche colazione

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (4)

  1. Gaia Sera 11 aprile 2019 at 17:51 Reply

    Come sempre i tuoi lievitati mi lasciano a bocca aperta in tutti i sensi (si sa mai che mi ce ne cascasse una dentro ) e queste brioche per la colazione non fanno eccezione. Sono splendide e degne della vetrina di una pasticceria. Brava brava. Ti copio subito la ricetta e conto di prepararle nel weekend.
    Ti farò sapere come mi sono venute Intanto ti ringrazio di nuovo e ti do un bacione

    1. tiziana 12 aprile 2019 at 7:16 Reply

      Ciao Gaia!
      Grazie di tutto, come sempre.
      Sono buone, ma fatte solo con il lievito madre sono ancora meglio.
      Ho visto un tuo nuovo pane su IG: corro sul blog a vederlo meglio!
      Un abbraccio e buon fine settimana
      Tiziana

  2. Gaia Sera 12 aprile 2019 at 8:26 Reply

    Ci credo perché con il lievito madre viene tutto meglio. Quando ho poco tempo comunque a volte utilizzo una dose minima di lievito di birra e poi faccio maturare a lungo in frigo ed il risultato è comunque soddisfacente anche se il profumo di tutto quello che tocca il lievito madre non ha uguali

    1. tiziana 12 aprile 2019 at 14:04 Reply

      Sono pienamente d’accordo con te Gaia.
      Anch’io lo faccio.

Rispondi a tiziana Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *