Cucina Cretese

La cucina cretese: il pane di Creta

LA CUCINA CRETESE: IL PANE

Dopo aver passeggiato insieme sull’isola di Creta (clicca QUI) e dopo aver cominciato a conoscere i prodotti tipici della cucina cretese (clicca QUI), compreso il famoso pane cretese Paximadia, oggi mettiamo le mani in pasta e cominciamo a cucinare.

Abbiamo visto che il pane biscotto Paximadia (o Paximadi) viene consumato tal quale o assieme ad altre pietanze. Nella famosa ricetta del DAKOS, che ricorda le nostre friselle, viene servito con formaggio, spezie e pomodori.

Creta pane

Pane tipico di Creta

Gli ingredienti del DAKOS per 4 persone sono:

4 panini paximadia d’orzo piccoli e rotondi

4 pomodori maturi

sale fino quanto basta

olio d’oliva cretese quanto basta

origano

250 g di formaggio myzithra (formaggio dolce e fresco tipico di Creta). Clicca QUI per saperne di più.

Spruzzare un po’ d’acqua sui paximadi (perché è un pane molto croccante) e ammorbidirli con dell’olio d’oliva.

Spalmare sopra del pomodoro in polpa, quindi aggiungervi il sale, l’origano (facoltativo) il formaggio fresco e, magari, anche delle olive cretesi.

 

Un altro pane tipico di Creta è lo Stafidopsomo. Si tratta di un pane con l’uva (altro prodotto tipico di Creta).

Ingredienti per prepararlo in casa:

1.000 g di farina di frumento

650 g di farina di grano tenero

20 g di burro

1 cucchiaino di miele

1 tazza di latte tiepido

qualche grammo di lievito di birra

1.000 g di uvetta

Impastare la prima parte di farina con il lievito e il latte. Formare un panetto e lasciarlo lievitare tutta la notte a temperatura ambiente. L’indomani impastare il panetto lievitato con la seconda parte di farina, il miele, il burro a pezzetti, aggiungendo quanto basta di latte fino ad ottenere un panetto omogeneo. Aggiungere per ultima l’uvetta, impastare e lasciare lievitare.

Formare delle pagnotte e, dopo la lievitazione, aggiungere dei semi misti facendoli aderire al pane con un po’ d’acqua e cuocere nel forno a 200°C.

creta pane

Cucina tradizionale cretese

Per la famosa Corona di pane dei matrimoni cretesi (Gamokouloura), occorrono invece:

3.000 g di farina di grano tenero

1.000 g di zucchero

quanto basta d’acqua per formare un panetto omogeneo

cannella quanto basta

3 cucchiaini di sale fino

lievito di birra o lievito madre

In queste antiche ricette le quantità di lievito non vengono quasi mai indicate oppure, purtroppo, ne vengono usate quantità eccessive. Dosi consigliate: circa 400 g di lievito madre o 15 g di lievito di birra.

Fare sciogliere il lievito di birra nell’acqua, impastare tutti gli ingredienti mettendo il sale per ultimo e formare un panetto.

Dopo la prima lievitazione, formare due ciambelle modellandole con le mani e, soprattutto, utilizzare una parte dell’impasto per i decori. Qui entra in scena l’abilità manuale! Formare tantissimi fiorellini da apporre sulle corone, facendoli aderire bene.

Cuocere a 180°C nel forno per almeno 35 minuti.

***

Di Paximadia e Dakos ne ho mangiati a volontà; la Gamokouloura invece, l’ho notata subito su un elegante banchetto, che ho scoperto in seguito essere proprio un banchetto di nozze. Non mi sono azzardata a fare foto direttamente, perché non sarebbe stato affatto educato, ma mi è rimasta la curiosità e sono andata presto ad informarmi.

Come promesso ieri, per conoscere qualcosa in più di Creta, che non sia soltanto legato alla cucina, ecco di seguito la bellissima chiesetta nella quale è stato celebrato il matrimonio, mentre mi trovato a Creta anch’io; lo stesso matrimonio grazie al quale ho potuto conoscere la corona di pane Gamokouloura.

creta pane

Holy Trinity Church Post-Byzantine style (14-15 Centuty)

Creta pane

Holy Trinity Church Post-Byzantine style (14-15 Centuty) located in Creta Maris (Hersonissos)

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Commenti (4)

  1. Maria Teresa 2 settembre 2019 at 11:13 Reply

    Sono stata a Creta una ventina d’anni fa, durante una crociera, ma non ho avuto modo di approfondire i tanti aspetti della cultura gastronomica dell’isola. Grazie per questo interessante report. Un bacio, a presto!

    1. tiziana 2 settembre 2019 at 15:30 Reply

      Ciao Maria Teresa, io invece volevo proprio venire qui da tanto tempo e, finalmente, quest’estate è giunta l’occasione.
      Me ne sono innamorata prima ancora di arrivarci. Penso che tornerò perché è un’isola che ha molto da offrire. Oltre alla storia e alle meravigliose spiagge, la cucina non è da meno…
      I prossimi giorni amplierò la rubrica sulla cucina cretese con tutti i prodotti che ho avuto modo di assaggiare.
      Buona serata e grazie di essere passata a trovarmi.
      Tiziana

  2. […] proposito, avete provate il pane cretese? E la corona di pane dei matrimoni? Per la corona serve un’occasione speciale e abili, […]

  3. […] mio viaggio sull’isola di Creta oggi mi porta a […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *