Colazione

Cake DopoleOtto: ricetta del maestro Stefano Laghi

Cake DopoLeOtto è un profumatissimo dolce del grande maestro pasticcere Stefano Laghi, che avrete voglia di degustare a tutte le ore.

Colgo l’occasione per ringraziare il maestro che omaggia spesso il suo fan club con tante ricette, che gli appassionati di pasticceria come me non possono fare a meno di replicare subito a casa propria.

Se avete voglia, oggi proviamo a fare assieme questa ricetta. Andiamo a pesare bene gli ingredienti!

 

Cake DopoLeOtto: ingredienti

500 g di farina debole di grano tenero tipo 0

200 g di zucchero semolato

50 g di destrosio

20 g di baking (lievito in polvere per dolci)

175 g di uova

150 g di latte

140 g di olio di semi di girasole (ha un sapore meno forte dell’olio d’oliva e nei dolci è più appropriato)

150 g di cioccolato in gocce (io ho tritato una barretta perché in casa non avevo le gocce)

125 g di acqua

8 g di menta fresca

2 g di sale fino

zucchero a velo quanto basta per ricoprire il cake, dopo la cottura e il raffreddamento

gelatina neutra quanto basta per lucidare il cake, dopo la cottura e il raffreddamento

1 noce di burro per imburrare lo stampo prima della cottura

qualche grammo di farina per infarinare lo stampo prima della cottura

 

cake DopoLeOtto

 

Cake DopoLeOtto: preparazione

Frullare la menta fresca e l’acqua con l’aiuto di un mixer ad immersione, scaldare fino a raggiungere i 70°C e infine aspettare che si raffreddi, coprendo con pellicola per alimenti.

Frullare l’acqua e la menta (ormai raffreddatesi) con tutti gli altri ingredienti, aggiungendo il cioccolato per ultimo.

Imburrare e infarinate lo stampo da plumcake e colarvi il composto fino a 3/4 dell’altezza dello stampo.

Cuocere nel forno chiuso, senza umidità, a 170°C. Con il mio forno ho impiegato circa 40 minuti.

Attendere che si raffreddi bene prima di sformarlo. Io ho imparato a farlo asciugare bene lasciandolo in verticale su una gratella, dopo averlo sformato.

Aggiungere lo zucchero a velo su una delle due metà diagonali e lucidare con la gelatina l’altra metà. Avrà un bell’effetto decorativo.

 

 

facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *